Karl Plattner
Für diesen Inhalt steht leider keine Übersetzungen zur Verfügung. Originaltext wird angezeigt.

Di solito quando prendo un foglio di carta, traccio qualche segno senza un preciso scopo. La mano core sulla carta e fa dei segni che all'apparenza non significano niente. Lo stesso processo si ripete sulla tela col pennello e i colori. o ne emergano grandi superfici dipinte o tratti grafici con un pennello fine. E la tela lentamente si riempie di colori. Da questo labirinto si sviluppa a poco a poco qualcosa di organizzato, un certo ordine. è come un evento morfologico. Anche la materia del mondo s'è formata lentamente, grazie alla confluenza di elementi singoli o di processi chimici. Tutto ciò si ripete anche sulla tela sicché la materia evolva ad organismo.

E quando questo sviluppo è giunto ad un certo stadio scopro l'oggetto. Tutti i miei quadri sono nati così.


I miei buoni quadri sono quadri che nascono dalla memoria. sono impressioni interiormente elaborate e restituite dall'inconscio. Quel che devo attuare è un processo di intrinseca elaborazione. Non mi riesce di trasferire un ricordo direttamente su un quadro.



Karl Plattner